Le Nuove Armonie: che cos’è il progetto “Giochiamo…con la musica”?

Da gennaio 2017 la scuola musicale di Santa Maria la Nova di Campagna, denominata “Le Nuove Armonie”, ha dato vita, per il secondo anno consecutivo, ad un interessantissimo progetto, “Giochiamo…con la musica”, ovvero il primo laboratorio/corso di musica propedeutica. Questa idea dell’associazione musicale campagnese nasce proprio dalla citazione del grande maestro Claudio Abbado: “Non si deve insegnare la musica ai bambini per farli diventare grandi musicisti, ma perché imparino ad ascoltare e, di conseguenza, ad essere ascoltati”.

Per capire meglio di cosa si tratta, la redazione de Il Dunque ha raccolto le dichiarazioni degli insegnanti che si occuperanno di tale laboratorio, Pasqualina Panico e Damiano Panico.

Iniziamo con l’insegnante Pasqualina Panico: che cos’è la propedeutica musicale e in cosa consiste il Laboratorio “Giochiamo…con la Musica”?

“Giochiamo …con la Musica, per usare un gioco di parole, è un po’ la musica che si mette in gioco, con alla base l’idea che essa può essere esperienza e occasione stimolante e creativa per fare musica senza abbandonare la matrice ludica. Si tratta di un’esperienza costruttiva e al tempo stesso anche orientativa che permette allo studente di studiare, nello specifico, uno strumento musicale. Il laboratorio “Giochiamo…con la Musica” nasce proprio con lo scopo di far conoscere ai bambini la Musica e avvicinarli in modo graduale verso questa forma di arte, utilizzando attività di gioco, di ascolto e di produzione musicale”. 

Maestro Damiano Panico, a chi è rivolto il laboratorio e qual è l’età giusta per iniziare?

“Il laboratorio è rivolto in modo particolare ai bambini di età compresa tra i 3 e i 7 anni.

Perché cominciare a tre anni?

“Perché si ritiene sia la fase più ricettiva per lo sviluppo dell’orecchio musicale nella vita di un individuo. A questa età – prosegue il maestro Panico –, infatti, i bambini imparano in modo istintivo attraverso l’imitazione e riescono a memorizzare molto facilmente melodie, canzoni e varie situazioni musicali; si deduce, quindi, come sia importante educare all’ascolto e familiarizzare con “il pianeta suoni” fin dalla più tenera età. Non solo l’uso dello strumento, ma anche il canto si inserisce in questo ventaglio di proposte come mezzo e fine del “far musica”, rendendo consapevole il bambino di possedere il primo ed insostituibile strumento musicale, ovvero la voce e l’uso della propria voce, come mezzo espressivo tramite filastrocche, ninna-nanne e canti infantili, occuperà una parte molto importante del corso”.

Ritorniamo a lei, Pasqualina Panico: quali sono gli obiettivi e le finalità di questo laboratorio?

 

“Partendo dalla concezione che l’esperienza uditiva è una delle forme fondamentali attraverso cui l’uomo dà un senso alla realtà, esprimendo se stesso ed interagendo con gli altri, il nostro metodo si propone di
– sviluppare nei bambini l’amore per la musica;
– sviluppare le loro capacità musicali di base;
– sviluppare la capacità di esprimere e di comunicare sentimenti ed emozioni attraverso la musica.
Questi sono i tre aspetti essenziali di ogni linea educativa: educare vuol dire sviluppare tutte le capacità di un individuo; pertanto, tali obiettivi vengono perseguiti attraverso diversi contenuti, che coinvolgono la voce e il canto, l’espressione corporea, il movimento, la danza, l’uso degli strumenti musicali (strumenti a percussione, strumentario ORFF), l’uso di storie da raccontare e pagine musicali da completare, disegnare e colorare, con il supporto di materiali didattici specifici e brani musicali adeguati ai bambini di questa fascia d’ età”.

Come è strutturato il laboratorio?
“Fin dal primo anno sarà di fondamentale importanza curare l’affiatamento del gruppo, con giochi mirati e con una costante osservazione dell’insieme, ponendo le basi per lo sviluppo di un’attitudine all’ascolto reciproco. I bambini crescono musicalmente e vengono educati all’ascolto; inoltre, prendono consapevolezza che il nostro corpo è uno strumento musicale vero e proprio. Fanno passi da gigante in termini di attenzione e di osservazione con una cura particolare verso l’aspetto motorio, cinestetico e soprattutto sensoriale, sviluppando, alla fine di ogni percorso, una maggiore sensibilità verso quelli che sono i suoni che vengono prodotti intorno a noi nella vita quotidiana, verso il senso ritmico e verso tutta questa immensa forma di arte in generale. La Musica e i bambini sono gioielli della vita e noi cercheremo di valorizzarli al massimo fin dalla tenera età”.

Qual è il segreto per avvicinare i bambini alla musica?
“Il mezzo più efficace per avvicinare i più piccoli a “far musica” con l’acquisizione dei diversi contenuti è quindi il gioco:
• gioco per educare al senso ritmico;
• gioco per educare all’ascolto;
• gioco per introdurre la grafia musicale.

Le lezioni, inoltre, saranno collettive per promuovere la condivisione, per moltiplicare il divertimento e dare un senso di squadra in cui si lavora INSIEME e con la MUSICA.

Propedeutica Musicale e Musicoterapia, maestro Damiano Panico, qual è la differenza?

“Sia la propedeutica musicale che la musicoterapia usano la musica e le attività ad essa collegate per raggiungere determinati obiettivi. Tuttavia, la musicoterapia, a differenza della propedeutica, non ha come obiettivo primario l’acquisizione di competenze musicali; la musicoterapia si preoccupa di creare competenze che possono essere spese anche fuori dalla dimensione puramente musicale. Essa, infatti, è una modalità di approccio alla persona che utilizza la musica per intervenire a livello educativo, riabilitativo o terapeutico, in una varietà di condizioni patologiche e parafisiologiche. Quindi, la musica, in questo caso, è un mezzo per arrivare ad un fine, con scopi ben legati alla salute”.

Il laboratorio “Giochiamo..con la musica”, dunque, non è altro che un modo per avvicinare i bambini alla musica e per fare ciò i maestri della scuola musicale “Le Nuove Armonie” hanno pensato di utilizzare il gioco e tante altre simpatiche attività – per tutte le info consultare il sito web www.lenuovearmonie.it oppure visitare la pagina facebook Scuola di Musica “Le Nuove Armonie”, Campagna – Salerno.

Il Dunque ringrazia gli insegnanti Pasqualina e Damiano Panico per la disponibilità dimostrata.

Fonte:  “Le Nuove Armonie”

Articolo di Antonino Pierro, pubblicato su ildunque.it il 22/09/2017

https://ildunque.it/progetto-lenuovearmonie-musica/